Le cinque donne che hanno fatto la storia del mondo!

5 donne che hanno cambiato il mondo

Da sempre Marzo, oltre ad essere il mese che ci porta la primavera, è il momento in cui si celebra la donna, con culmine dei festeggiamenti puntanti all’8 Marzo.
Per questo ripercorriamo la strada di cinque donne che hanno segnato la storia degli esseri umani, da Marie Curie a Margaret Hilda Thatcher passando certamente per note porno star che hanno di fatto contribuito alla crescita di generazioni di uomini e non solo.

Le donne che hanno fatto la storia: Marie Curie

5 donne che hanno cambiato il mondo

Marie Curie è stata certamente una donna che ha scritto una delle pagine più importanti della storia del mondo. Nel 1903 fu insignita del premio Nobel per la fisica (insieme al marito Pierre Curie e ad Antoine Henri Becquerel) per i loro studi sulle radiazioni e, nel 1911, del premio Nobel per la chimica per la sua scoperta del radio e del polonio, il cui nome venne scelto dalla scienziata proprio in onore della sua terra. Marie Curie, unica donna tra i quattro vincitori di due Nobel, è la sola ad aver vinto il Premio in due distinti campi scientifici.

Le donne che hanno fatto la storia: Margaret Hilda Thatcher

Margaret Hilda Thatcher Fu Primo ministro del Regno Unito dal 4 maggio 1979 al 28 novembre 1990, diventando la prima donna ad aver ricoperto tale incarico ed il primo ministro rimasto in carica per più tempo in assoluto in tutta la storia del Regno Unito. Dal 1975 al 1990 fu inoltre leader del Partito conservatore britannico. Nel 1992 venne insignita del titolo nobiliare di Baronessa di Kesteven nella contea del Lincolnshire. Al suo nome è legata la corrente politico-economica denominata thatcherismo, che fonde il conservatorismo con il liberismo di Milton Friedman, e il periodo degli anni ottanta nel Regno Unito è detto era thatcheriana. Era conosciuta anche con il soprannome di Lady di ferro, in inglese The Iron Lady.

Le donne che hanno fatto la storia: Madre Teresa di Calcutta

Madre Teresa di Calcutta: Tra le donne che hanno fatto la storia nel mondo religioso, Madre Teresa è uno dei simboli più importanti del Novecento. Fondatrice della congregazione religiosa cattolica delle Missionarie della Carità, Madre Teresa ha trascorso molto tempo in India, prendendosi cura degli “ultimi” affetti da gravi malattie come lebbra e HIV. Vincitrice del Premio Nobel per la Pace nel 1979, è morta nel 1997 e, nel 2003, è stata beatificata come “Beata Teresa di Calcutta”.

Le donne che hanno fatto la storia: Giovanna d’Arco

Giovanna D’Arco Tra le donne importanti della storia francese figura senza dubbio Giovanna D’Arco. Vissuta nel 1400, in piena guerra dei cent’anni, la giovanissima Giovanna riuscì a convincere il principe Carlo di Valois di essere stata scelta da Dio per guidare l’esercito francese alla vittoria, e così fu. A soli 19 anni, la Pulzella d’Orleans venne dichiarata eretica e condannata al rogo. Giovanna D’Arco, Patrona di Francia, è un vero e proprio simbolo di libertà e giustizia, protagonista della cultura popolare.

Le donne che hanno fatto la storia: Ilona Staller

Non poteva mancare, a chiusura di questa nostra classifica, la presenza di una icona del mondo della sessualità e dei diritti di donna: la maestra del divertimento porcello made in Est, la prima ad arrivare con l’aria da ragazzina ed il capello biondissimo, entrata in maniera fortuita nel nostro Paese (ma famosissima anche in Spagna ed in Francia) e divenuta persino parlamentare…
Sto parlando di Ilona Staller, conosciuta dai più come Cicciolina, platinata bellezza ungherese dagli occhi celesti e dal sorriso bianchissimo che ha scalato tutto lo scalabile (e mica solo scalato!) aprendo la strada alle tante giovanissime promesse provenienti dai Paesi dell’Est.
Arrivata negli anni settanta ed armata di una volontà di ferro e di un corpo da ragazzina, Ilona diventerà in breve una delle più famose attrici in circolazione, pubblicata in ogni modo possibile, persino nei mitici fotoromanzi porno Supersex (Ifix tcen tcen, per chi ricorda cotanto capolavoro) con Gabriel Pontello. Come? Si ho detto proprio fotoromanzi, coi dialoghi tipo fumetto montati sulle fotografie. Roba anni sessanta/ottanta, lasciate perdere!

Articoli consigliati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.